GUERRE DE 1812

 

Belligeranti:

- REGNO UNITO CANADA e ha contribuito a 10.000 DA INDIANA NAZIONI Chickamauga, Shawnee, CREEK, Ojibway, volpi, Iroquois, Miamis, MINGO, OTTAWA, Kickapoo, Lenape, Mascouten, Potawatomi, Sauk, Wyandot.

 

- USA aiutato in 3000 dalle nazioni indiane e Choctaw Cherokee.

 

 

1812.jpg

 

Durante la guerra del 1812, le tribù native americane ancora sono trovati di fronte a un dilemma. Al confine del nord, molti indiani seguirono il capo Shawnee Tecumseh, che ha chiamato le nazioni per combattere il nemico americano. Generale dell'esercito britannico, morto a Tecumseh Batille Il Tamigi 5 ottobre 1813.

Nel sud, il potente nazione era divisa sul Creek a dare alleanza. Una guerra civile scoppiata tra i (filo-britannico) camicie rosse e camicie bianche (pro americano).

Andrew Jackson, il futuro presidente degli Stati Uniti, con l'aiuto di un reggimento Cherokee schiacciato le Camicie rosse nella battaglia di Horseshoe Bend in Alabama.

Assist dal capo Pushmataha e Choctaw guerrieri 500, Andrew Jackson poi attaccato Pensacola, Florida.

Morte alla vigilia del Natale 1824 il Capo Pushmataha fu sepolto con gli onori militari impartite dal Segretario della Marina, un corpo di Marines americani e due compagnie della milizia americana. Più di 2.000 persone hanno seguito il suo corteo funebre e fu elevato al rango di Generale dell'Esercito degli Stati Uniti, pur essendo riconosciuto come il più grande patriota della giovane America.

La disastrosa sconfitta del Tamigi ha segnato la fine del potere militare del popolo del Nord

Occidentale. Alcune nazioni hanno continuato a combattere e sperimentato un certo successo a Prairie du Chien

(Sulla parte superiore del Mississippi) nel 1814, ma la maggior parte ha concluso una pace separata con gli Stati Uniti o

fuggito in territorio britannico, dove sono stati ridotti allo stato di aiuto asilo

sociale piuttosto ingeneroso. Nel corso del terzo anno di guerra (1814), campagne militari

messo in discussione, entrambi i lati, le truppe regolari impegnati in battaglie campali

nella Penisola del Niagara e nella valle di Champlain. Alcune nazioni indigene

Northwest e loro alleati di Canadas hanno partecipato a queste battaglie, ma hanno agito poco più di

come rinforzi.

La guerra che hanno concluso il loro tradizionale modo di vita, molti aborigeni

potrebbe fornire più, per l'agricoltura o la caccia, le loro famiglie e si trovarono

dipende dalle razioni delle autorità britanniche. Ora, come la carenza di cibo

dilagante in Upper Canada verso la fine delle ostilità, molti di loro morivano di fame.

Piccolo Corvo, capo Sioux e informato i funzionari del Dipartimento indiano:

 

Anche se portare aiuto a tutti i tuoi figli, è necessario soddisfare anche

numero prima di aiuto ci raggiunge. Recentemente, abbiamo ricevuto molto aiuto da voi,

Padre, perché la metà della nostra nazione fame, la bocca piena di frammenti

pelle perché non avevano altro cibo. Ho sempre pensato, e continuo a pensare, che

spetta a nient'altro che problemi hai con gli americani.

 

Nel mese di agosto 1814, i negoziati di pace sono state effettuate su un terreno neutro in città

Gand olandese. Memore del fallimento disastroso dei popoli indigeni nel trattato di

Parigi che pose fine alla guerra di indipendenza americana, i negoziatori britannici richiesto

che gli alleati indigeni della Gran Bretagna sono incluse nel trattato e "una frontiera

Stati è stabilito come al loro territorio. " Il governo britannico ha dato tale

importanza di questa disposizione che i suoi negoziatori hanno informato i loro omologhi americani di questo

che "non sono stati autorizzati a entrare in un trattato che non include gli indiani come alleati della Sua

Maestà Britannica; ed era necessario [la creazione di] terra indiana a concludere

una pace permanente. "

 

18122.jpg

 

 

Americani erano ancora più scioccato di apprendere che "lo scopo del governo

Britannica era che gli indiani dovrebbero essere una barriera permanente tra le nostre colonie

ovest e l'adiacente provincia britannica, "e nessuno dei due paesi" dovrebbe ora essere

il diritto di acquistare o acquisire qualsiasi parte del territorio e riconosciuto come appartenente

gli indiani. " Quando gli americani hanno fatto notare che circa un centinaio di migliaia di loro

cittadini che vivono nella zona che gli inglesi hanno proposto di stabilire paese aborigena

e chiesero, con la ragione, le "intenzioni del governo britannico contro di loro", essi

risposto, un po 'scortese, che "queste persone, che sarebbero stati inclusi nel territorio

L'India deve fare le proprie disposizioni e fare per se stessi. "

 

La posizione britannica era totalmente inaccettabile per gli americani e le trattative

annaspava. Dopo molte discussioni a riguardo, delegati americani hanno proposto che il trattato

caratteristiche, piuttosto che la creazione di un confine indiano, nel nord-ovest della repubblica ", un

provvedimento di amnistia, garanzia generale e reciproca a tutte le persone, nella misura del rosso

bianco, l'esercizio dei diritti di cui godeva prima dello scoppio della guerra. " Il

Negoziatori britannici hanno respinto la proposta, ma dopo aver consultato Londra, ha ricevuto

l'ordine di abbandonare l'esigenza di creare uno stato di confine e propone invece di aumentare il trattato

il seguente articolo:

 

Gli Stati Uniti d'America si sono impegnati a porre fine immediatamente dopo la ratifica di

questa ostilità trattato contro tutte le tribù indiane o nazioni con i quali

avrebbe potuto essere in guerra, al momento di tale ratifica e fare sul posto in tale

tribù o nazioni, rispettivamente, tutti i beni, diritti e privilegi che essi

avrebbero goduto o per cui sono stati intitolato nel 1811, prima della guerra.

A condizione, sempre, che le dette tribù e le nazioni accetteranno di rinunciare tutti

ostilità contro gli Stati Uniti d'America, i loro cittadini e sudditi, non appena il

la ratifica di questo trattato è stato servito detto tribù e nazioni, che cesserà

ostilità di conseguenza.

 

L'articolo è conclusa su un impegno parallelo dalla Gran Bretagna e

è stato accompagnato da una nota diplomatica che indicava che si trattava di un ultimatum

dipendeva dal proseguimento dei negoziati.

 

E 'quasi certo che di questo articolo gli autori miravano nazioni indigene che vivono

Territorio degli Stati Uniti e che aveva combattuto per la Gran Bretagna durante la guerra,

in particolare quelli nel nord-ovest che si è unito confederazione di Tecumseh. Prova

è che l'articolo si riferisce all'anno 1811, durante il quale si arruolò nel nord-ovest

battaglie che dovevano condurre alla Battaglia di Tippecanoe, non 1812, la Dichiarazione di

guerra degli Stati Uniti contro la Gran Bretagna. Dopo lunghe discussioni, i delegati

Gli americani accettarono la proposta che è diventato l'articolo IX del Trattato di Gand, firmato il 24 dicembre

Nel 1814.

 

Tre giorni dopo, il governo britannico aveva in mano una copia del trattato di Sir

George Prevost e ha richiamato la sua attenzione a questi articoli sui popoli indigeni "che possono

essere in guerra contro uno o le altre parti firmatarie. " Gli fu dato l'ordine di loro

che "la Corona non avrebbe accettato di fare la pace con gli Stati Uniti a meno che il

nazioni o tribù che sono stati i nostri alleati sono inclusi nel [processo di] pace ".

Prevost ha dovuto fare "tutto il possibile" per portare i popoli indigeni che vivono negli Stati

Membri a concludere una pace separata con il governo americano, "non poteva essere giustificato in

fornire maggiore assistenza se persistevano nella guerra. "

 
 


Mohawk guerriero Tyendinaga, autunno 1813 
Anche se pochi di numero, i guerrieri della piccola comunità Mohawk di Tyendinaga, 
vicino a Kingston, partecipato a molte battaglie durante la guerra del 1812, tra cui Sacketts Harbor e Penisola 
Niagara nel 1813 E 'stato durante la battaglia di Farm di Crysler nel novembre 1813 erano i più illustrata, dopo aver svolto un ruolo importante, nonostante il loro piccolo numero. Questo guerriero è rappresentato come potrebbe avere 
vedere a Farm di Crysler 
Tabella di Ron Volstad 

18123.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Prevost non ha ricevuto questo dispaccio prima di marzo 1815, ma era già stato messo al corrente, da

Ottobre 1814, alcuni articoli del Trattato; Giornali americani, infatti, ha pubblicato le lettere

Gazzetta della delegazione americana a Gand, lettere conteneva un progetto di

Articolo IX. Egli ordinò immediatamente il Dipartimento indiano di organizzare incontri con

popoli indigeni a Burlington Heights, Saginaw Bay, Michilimackinac, Green Bay e Prairie

Dog. Ironia della sorte, tutti questi incontri, ad eccezione di Burlington Heights, erano

svoltasi sul suolo americano (ora Michigan e Wisconsin).

 

24 aprile 1815, un consiglio è tenuta presso Burlington Heights a comunicare il contenuto del trattato di

Gand un grande contingente di guerrieri nazioni nord-ovest che fuggì nel 1813 in questo

villaggio, con le loro famiglie, nonché i rappresentanti dei villaggi di Grand River e altro

Nazioni persone in Canada. In questa riunione, un alto ufficiale del Dipartimento indiano ha ringraziato

i presenti per il disturbo che aveva dato per contrastare l'aggressione americana e

informato che, nel fare la pace con gli Stati Uniti ei suoi interessi "non sono stati trascurati."

 
 



Foto scattata in studio nel luglio 1882 degli ultimi sopravvissuti tra i guerrieri Sei Nazioni che hanno combattuto con gli inglesi nella guerra del 1812. 
Per tutto il resto del XIX secolo, la presenza esemplare e ottimi veterani reputazione come hanno assicurato la sopravvivenza della tradizione del servizio militare nelle comunità aborigene in Canada centrale e orientale. Da sinistra a destra sono veterani della guerra del Grand River nel 1812 Jacob Warner (92 anni), John Tutlee (91 anni) e John Fumo Johnson (93 anni). La foto è stata scattata in Brantford nel 1882.

 

18124.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il 18 settembre 1813, capo Tecumseh, furioso per la decisione del comandante britannico di ritirarsi dal confine di Detroit, ha tenuto il suo prossimo discorso. Questa è forse la più potente delle sventure subite da sintesi popoli indigeni quando trovarono coinvolti in conflitti di bianchi.

 

"Padre!

Ascoltate i vostri figli; Ora tutto ciò che vedete davanti a voi. Durante la guerra prima che [la rivoluzione americana], nostro padre britannico ha dato l'ascia di guerra per i suoi figli rossi, quando i nostri vecchi capi erano vivi. Ora sono tutti morti. In questa guerra, nostro padre è stato rovesciato dagli americani, e il nostro Padre ha dato loro fuori per la nostra conoscenza, e temiamo che il nostro Padre fa lo stesso questa volta. Ci sono due estati, quando mi presentai con i bambini rossi, ed ero pronto a prendere l'ascia di guerra in favore di nostro padre britannico, ci hanno detto di non fare in fretta - non era ancora determinato a combattere gli americani.

 

Ascolta!

Quando la guerra è stata dichiarata, nostro padre si alzò e ci ha dato il tomahawk e ci ha detto che era pronto a colpire gli americani, ha voluto il nostro aiuto; e vorremmo sicuramente rendere le nostre terre che noi americani sono stati rimossi.

 

Ascolta!

Ci hai detto, quindi, di portare le nostre famiglie qui. Abbiamo fatto e vi ha promesso di prendersi cura di loro e che vogliono per niente, mentre gli uomini vanno a combattere il nemico - non abbiamo avuto bisogno di preoccuparsi per le guarnigioni nemiche - che n ' non sapeva nulla e che il nostro Padre si sarebbe preso cura di questo aspetto. È anche detto ai tuoi figli rossi che si mente il vostro presidio installato qui, che allietavano i nostri cuori.

 

Ascolta! Padre, ascolta!

La flotta ha lasciato, sappiamo che hanno combattuto; abbiamo sentito le grandi cannoni; ma non sappiamo nulla di quello che è successo al nostro Padre. Le nostre navi sono andati e si sono stupiti di vedere il nostro Padre impacchettare tutto e di essere pronti ad andare senza far loro conoscere le sue intenzioni con i suoi figli rossi. Hai sempre detto di rimanere qui e prendersi cura delle nostre terre; i nostri cuori si rallegrarono di sapere che quelli erano i vostri desideri.

 

¼Vous've sempre detto che non avrebbe messo il piede fuori del Regno Unito; ma ora, Padre, ci vede indietro e siamo spiacenti di vedere nostro padre farlo senza vedere il nemico. Dobbiamo confrontare il comportamento del nostro Padre a quella di un animale ad alto contenuto di grassi che cammina, coda in aria, ma che, quando è spaventato, messo tra le gambe e scappa.

Guarda, Padre!

Gli americani non hanno ancora ci sconfitto sulla terra; così come siamo certi che ci hanno sconfitto in acqua; Quindi ci auguriamo, quindi, restano qui e combattere il nemico, se si pone. Se ci sconfiggono, allora avremo ribadire il nostro Père¼

 

Padre!

Hai ricevuto armi e munizioni che il nostro Padre ha inviato per i suoi figli rossi. Se stai pensando di lasciare, li dare a noi e si può lasciare.Le nostre vite sono nelle mani del Grande Spirito. Siamo determinati a difendere le nostre terre e, se è la Sua volontà, vogliamo lasciare le nostre ossa su di loro. "

Tecumseh, Shawnee capo di guerra (1768-1813)

Tecumseh era un capo Shawnee nata nel 1768 Capo indiano della tribù Shawnee, ha guidato una grande confederazione di tribù che oppose gli Stati Uniti durante la guerra del 1812, Tecumseh cerca di fermare l'avanzata della colonizzazione bianchi nel nord-ovest. Egli ritiene che gli indiani devono tornare alle loro tradizioni, essi devono dimenticare le rivalità intertribali e preservare i terreni di proprietà in comune da parte di tutti gli indiani.

Tecumseh unito gli inglesi contro gli americani nella guerra del 1812 Il suo sostegno al Maggiore Generale Sir Isaac Brock è determinante nella cattura di Detroit.Prima che l'approccio britannico, i guerrieri di Tecumseh mostrerà una fila interminabile agli americani. I guerrieri a capo della coda sui loro passi per mettersi in coda, in modo che il generale americano è soddisfatto che viene assediata da una forza indiani innumerevoli. Questa mossa lo spinse ad arrendersi per evitare un massacro dopo il Maggiore Generale Brock ha presumibilmente avvertito che l'ampio sostegno dei guerrieri di Tecumseh sfuggono al suo controllo, una volta commesso il conflitto.

 

La leggenda narra che Tecumseh è entrato Detroit a cavallo insieme a Brock, e quest'ultimo gli ha dato la sua sciarpa in segno di rispetto. A proposito di Tecumseh, Brock ha scritto che non c'era, a suo avviso, più saggio guerriero o più coraggioso, e ha suscitato l'ammirazione di tutti coloro che conversava con lui. Come un generale di brigata, Tecumseh era a capo di più di 2.000 guerrieri. Ha combattuto la sede di Fort Meigs e Fort Stephenson, e la sua ultima battaglia è quella del Tamigi a Chatham, Ontario, dove, nel suo abbigliamento tradizionale pelle di daino indiana, è stato ucciso mentre si comanda ai suoi guerrieri in un ultimo tentativo di resistenza contro gli invasori americani.

 

 

John Norton (Teyoninhokarawen o "Snipe") c. 1765-1831, capo di guerra dei Sei Nazioni

John Norton è nato in Scozia da padre Cherokee e madre scozzese. Nel 1784, mentre ancora giovane, si unì ai ranghi dell'esercito britannico in Irlanda. Il suo reggimento fu inviato in Nord America nel 1785, mentre era di stanza a Fort Niagara a Youngstown (New York), Norton è diventato amici con un numero di membri delle Sei Nazioni e cominciò a imparare Mohawk. Egli rimase affascinato dalle sue radici indigene. Ha disertato l'esercito nel 1787 e cominciò a insegnare ai bambini a Mohawk Teyendinaga. Ha lasciato la professione nel 1791 per diventare un commerciante di pellicce e interprete per gli affari indiani inglesi a Fort Niagara e Fort George a Niagara. Competenze linguistiche Mohawk sono notevoli; Ha anche tradotto il Vangelo di Giovanni nel Nuovo Testamento in quella lingua. Norton è stato adottato dalla nazione Mohawk e nominato diplomatico e capo militare della nazione nel 1799.

 

Poco dopo la dichiarazione di guerra nel 1812, Norton ha reclutato diverse centinaia di guerrieri delle Sei Nazioni e Delaware per aiutare Maggiore Generale Sir Isaac Brock alla frontiera Niagara, che è minacciata da una massiccia militare americano di stanza a Lewiston. 13 ott 1812, gli americani invasero Queenston Heights.Norton 100 guerrieri svolgono un ruolo cruciale nella sconfitta dell'invasore americano. Norton dirige più guerrieri nelle battaglie di Fort George, Stoney Creek, Beaver Dams e durante molte altre operazioni durante la guerra. A quel tempo, si ritiene alleati nativi Capo Upper Canada. Norton è un signore della guerra e leader dei Peace Tree Sei Nazioni, oltre ad essere un importante nell'esercito britannico.

Nel 1815, dopo la guerra, Norton ha speso più di un anno in Gran Bretagna, dove ha pubblicato il suo diario, che sarà una fonte storica preziosa per lo studio della storia delle First Nations. Tornò a Upper Canada e si stabilì nei pressi del Grand River nel 1816, ma si sta annegando in problemi legali e finanziari. Nel 1823, si recò nel territorio di Arkansas, Stati Uniti. Vaga attraverso gli stati del sud per alcuni anni prima di morire intorno a 1831 non è noto il luogo della sua sepoltura.

John Brant (chiamato anche Dekarihokenh, Ahyouwaeghs, Tekarihogen), capo di guerra Mohawk (1794-1832)

Giovanni è il figlio del famoso capo Mohawk guerra Joseph Brant. Diventa, con Norton, uno dei principali signori della guerra del Haudenosaunee, o Sei Nazioni, durante la guerra del 1812.

 

Quando scoppiò la guerra nel 1812, Brant e Norton reclutare immediatamente un certo numero di guerrieri delle Sei Nazioni e offrono i loro servizi a Maggiore Generale britannico Sir Isaac Brock, il comandante britannico e presidente di Upper Canada (Ontario). Sei guidato da Brant e Norton nazioni svolgono un ruolo vitale nella battaglia di Queenston Heights e molte altre battaglie durante i tre anni di conflitto. Brant rimane un personaggio interessante radicato in entrambi i mondi.Cresce soprattutto nel palazzo di suo padre, a Burlington, dove mangia in un bel stoviglie cinese con posate d'argento per gli schiavi della famiglia prendersi cura di lui, ma lui è ugualmente a suo agio vestito di pelle camoscio con i suoi cugini Sei Nazioni sul grande fiume. Si trasferisce alla prenotazione del fiume Grande, dopo la morte di suo padre a Burlington, 1807 Questo è un uomo colto che ha studiato nelle scuole di Ancaster e Niagara (Niagara on the Lake) e sarebbe stato in grado di realizzare grandi cose se non fosse morto di colera in giovane età nel 1832.

Dopo la guerra del 1812, Brant ha lavorato instancabilmente per difendere i diritti alla terra delle Sei Nazioni e ottenere i loro chiamare titoli inglesi. Nel 1821 si recò in Inghilterra con Robert Johnson Kerr per chiedere la Corona di stipulare un accordo con Six Nations sui diritti sulla terra. Questi sforzi sono stati esauriti e Brant tornato a Upper Canada senza problemi territoriali sono risolti.

Alla fine della guerra del 1812, Brant ha ricevuto il grado di tenente presso il Ministero degli Affari Indiani britannico e nel 1828 fu nominato sovrintendente delle Sei Nazioni del Grand. Due anni più tardi, fu eletto all'Assemblea della Provincia di Upper Canada House, ma ha perso il suo posto quando l'elezione è contestata e che la decisione è sfavorevole.

Brant è morto a 38 anni durante l'epidemia di colera del 1832 ed è sepolto nella Cappella dei Mohawk a Brantford Sua Maestà.

 

 

Creek War (1813-1814)

Nel mese di febbraio 1813, una guerra civile scoppiata nella nazione Creek, tra bastoni rossi e le insenature che avevano adottato lo stile di vita degli "uomini bianchi".Americani scontri nelle vicinanze erano molto preoccupati che il conflitto si estenda. Di fronte alla crescente minaccia, hanno chiesto che il governo di agire rapidamente. Tuttavia, le truppe federali erano già mobilitati per il conflitto con il Regno Unito e gli Stati del Sud avevano quindi aumentare le proprie milizie per difendersi. Il colonnello Jackson e il maggiore generale William Cocke portarono al Sud una forza di circa 2.500 uomini ciascuna, per attaccare le tribù Creek.Entrambe le truppe erano prevalentemente composte di miliziani Tennessee, guerrieri Cherokee e soldati.

Anche se la missione di Jackson era quella di pacificare le insenature, ha perseguito l'ambizioso obiettivo di conquistare la città di Pensacola dove il governatore spagnolo era seduto. Alla fine dell'anno 1813, le truppe di Jackson avevano vinto più combattimenti, compresi quelli di Tallushatchee e Talladega. Tuttavia, come la milizia sono stati impegnati per tre mesi, fu costretto a sciogliere le truppe alla fine di questo termine. Dopo aver ri-mobilitato e addestrato nuove truppe, Jackson e il generale John Coffee erano alla testa di un esercito di 3.200 uomini, composto da 2.600 soldati e circa 600 indiani.

27 marzo Jackson e caffè decisamente sconfisse le insenature nella battaglia di Horseshoe Bend, uccidendo quasi 800 di 1.000 insenature, contro 49 morti e 154 soldati americani feriti e Cherokee. Jackson ha perseguito i superstiti insenature fino a quando non sono tutti resi. Questa vittoria ha portato al Trattato di Fort Jackson che si è concluso il conflitto Creek, 9 AGOSTO 1814 La maggior parte degli storici considerano la guerra Creek è parte della guerra del 1812, nella misura in cui gli inglesi avevano sostenuto per destabilizzare il governo americano.

Ajouter un commentaire

Vous utilisez un logiciel de type AdBlock, qui bloque le service de captchas publicitaires utilisé sur ce site. Pour pouvoir envoyer votre message, désactivez Adblock.

Créer un site gratuit avec e-monsite - Signaler un contenu illicite sur ce site